Continua il successo dell’equity crowdfunding che registra una forte attenzione a livello nazionale imponendosi, con sempre maggiore autorità, come innovativo modello di raccolta di capitali dedicato alle aziende in cambio di quote societarie. Dopo un 2018 da record (114 campagne finanziate e 36 milioni di euro raccolti), raggiunge infatti nel primo semestre di quest’anno 25,4 milioni di euro in termini di raccolta, con 65 campagne finanziate sulle 9 piattaforme più attive del Paese, e raggiunti. Dal 2014 ad oggi si parla di 258 campagne chiuse con successo e 80,8 milioni di euro di capitale raccolto. A guidare il settore è Mamacrowd, la piattaforma parte del network SiamoSoci e autorizzata Consob, con oltre 22 milioni di euro raccolti in totale e 57 campagne chiuse, di cui 5 milionarie.

Guardando ai sei mesi del 2019, Mamacrowd ha raccolto 7,1 milioni di euro (28% rispetto all’intero mercato), con la campagna di StartupItalia che con 2,7 milioni di euro di adesioni ha raggiunto il record assoluto di raccolta di equity crowdfunding in Italia.

Mamacrowd dati semestre 2019

Altissime anche le cifre di Green Energy Storage (GES), la startup dell’efficienza energetica che ha sviluppato un sistema di accumulo organico per le energie rinnovabili basato sul chinone: su Mamacrowd che ha superato i 2,1 milioni di euro di adesioni. Inoltre, i fondi raccolti nel semestre 2019 vanno ad aggiungersi al milione di euro ottenuto con la prima campagna realizzata da GES nel 2017: con 3 milioni di euro totali, GES si conferma come la società che ha raccolto il maggiore ammontare sul mercato in Italia grazie all’equity crowdfunding di Mamacrowd. Milionaria è stata anche la campagna di Epicura, il primo poliambulatorio digitale in Italia, con un’operazione guidata da importanti gruppi di business angel e fondi di investimento quali Club degli Investitori, LVenture Group, Club Acceleratori e Boost Heroes.

“Startup sempre più strutturate, attori dell’ecosistema sempre più esperti, un contesto normativo che si sta evolvendo verso una direzione fortemente incentivante”: sono questi i motivi che – secondo il CEO di Mamacrowd Dario Giudici – stanno decretando il successo dell’equity crowdfunding.
“Gli investitori puntano sull’equity crowdfunding perché è uno strumento molto flessibile e semplice che risponde in modo preciso all’esigenza di diversificare la strategia di investimento, mentre lato startup e PMI l’equity crowdfunding rappresenta un canale efficiente per poter finanziare i propri piani d’impresa”.

L’apertura del 2019 fa dunque ben sperare per il futuro e la crescita del numero di campagne con taglio di raccolta superiore al milione di euro dimostra come lo strumento dell’equity crowdfunding si stia consolidando sempre di più come opportunità per aziende mature con necessità di capitali anche importanti.