Secondo un articolo del settimanale americano Time, pubblicato alla fine della scorsa settimana, la Walt Disney sarebbe intenzionata a riottenere il controllo del 100% del capitale della società francese EuroDisney SA, di cui ora detiene il 40%. La restante parte del capitale è nelle mani per il 10% al principe saudita al-Waleed bin Tahal e per il resto divisa tra investitori individuali e istituzionali. La reazione del titolo EuroDisney, quotato alla borsa di Parigi, è stata euforica: dopo il +22% di venerdì l’indice ha chiuso ieri a+32,4%.

Per ora nessuna conferma ufficiale

Per ora, la notizia dell’interesse di Walt Disney all’operazione non ha trovato alcuna conferma ufficiale. Alla base dell’operazione ci sarebbe la volontà di riacquisire il controllo diretto della gestione finanziaria di EuroDisney. Nel corso degli anni, infatti, la società si è dimostrata incapace di tradurre la popolarità del parco di divertimenti, che conta oltre 15 milioni di visitatori all’anno e un tasso di riempimento delle camere d’albergo superiore all’87% nel 2011, in risultati contabili soddisfacenti. Solo in 8 dei 20 anni di esistenza del parco, la società è riuscita a chiudere con il bilancio in nero, e ha registrato considerevoli difficoltà nel controllo dell’indebitamento, che solo negli ultimi tempi ha cominciato a scendere in modo rilevante.

EuroDisney è stata quotata nel 1989, con il parco ancora in costruzione, a 13,5 euro, ed era salita fino a oltre 30 nella prima metà degli anni Novanta, salvo poi scendere sotto la soglia dei 5 Euro nell’ultimo decennio prima del recente rally.