Dopo un inizio di seduta negativo sulla scia della debolezza in Area Euro, i principali indici azionari statunitensi hanno recuperato terreno grazie al presidente della Fed Ben Bernanke, che ha evidenziato in una risposta scritta al rappresentate della California Darrell Issa che la Fed ha spazio per rendere la propria politica monetaria più espansiva. Lo S&P500 è avanzato dello 0,6%, il Dow Jones industrial dello 0,77% e il Nasdaq dello 0,5%.

Ordini di beni durevoli contrastati

Le parole di Bernanke hanno rafforzato le attese che la Fed possa rendere la propria politica monetaria più espansiva nel breve, in linea con il contenuto dei verbali della riunione di inizio agosto pubblicati ad inizio settimana. Queste, inoltre, hanno permesso di compensare la delusione per l’andamento inferiore alle attese degli ordini di beni durevoli una volta esclusa la componente trasporti, scesi dello 0,4% in luglio rispetto a giugno, contro attese di consensus per un incremento dello 0,5%.

Il settore farmaceutico è stato al centro dell’attenzione. Watson Pharmaceutical è salito del 6% dopo avere annunciato che la propria versione generica del farmaco Lidoderm ha ricevuto l’approvazione dalla parte della Food and Drug Administration e che lo lancerà sul mercato nel settembre 2013. Eli Lilly è avanzata del 3,4% grazie all’annuncio che il proprio farmaco contro l’Alzheimer ha rallentato la perdita delle capacità cognitive da parte dei pazienti.