Apertura in calo prevista per Wall Street in scia al cattivo andamento dei mercati asiatici e delle Borse europee, incerte alla vigilia del direttivo Bce che precede l’annuncio, domani, dell’eventuale taglio dei tassi di interesse da parte dell’Eurotower e di un probabile piano di acquisto bond sul mercato secondario. Gli spread di Italia e Spagna rispetto ai titoli decennali tedeschi si attestano al momento in area 420 e 505 rispettivamente. In questo quadro, a circa tre ore dall’apertura il contratto sul Dow Jones segna un -0,13%, quello sul Nasdaq un -0,31%, quello sullo S&P500 un -0,3%.
Nel giorno della convention democratica che vede i coniugi Obama protagonisti della campagna elettorale statunitense, l’unico dato macro atteso per oggi è l’indice ISM dello Stato di New York in agosto. In luglio l’indice si era attestato a quota 55,2 punti.
Tra le storie corporate, l’attesa è tutta per Apple, che ha confermato l’evento del 12 settembre nel quale verrà presentato con ogni probabilità il nuovo iPhone.
Attenzione anche a Facebook, che dopo aver toccato ieri i nuovi minimi storici a 17,55 dollari, nell’after market è tornato sopra quota 18 euro dopo l’annuncio da parte del Ceo Mark Zuckerberg che non venderà la propria quota per almeno altri 12 mesi. Gli altri dipendenti invece saranno liberi di farlo a partire dal prossimo 29 ottobre, con due settimane di anticipo rispetto al previsto, e sei giorni dopo la presentazione dei dati trimestrali della società, che avverrà il 23 ottobre.