Le preoccupazioni sulle prospettive di crescita dell’economia mondiale si sono fatti sentire sull’andamento delle borse statunitensi, che hanno chiuso oggi in forte calo. In particolare sono stati i dati arrivati dall’Asia e dall’area Euro a preoccupare gli investitori mentre quelli statunitensi sono stati solo leggermente più deboli del previsto. Lo S&P500 ed in Dow Jones Industrial hanno perso lo 0,8% e il Nasdaq l’1%.

Domani finalmente parla Bernanke

Segnali economici negativi sono arrivati soprattutto dall’Asia e dall’area Euro. In Asia hanno registrato una flessione sia le vendite al dettaglio in Giappone sia l’indice di fiducia delle imprese in Corea del Sud, entrambi sintomo della debolezza della regione. In area Euro è stato soprattutto l’andamento del mercato del lavoro tedesco a preoccupare, con il numero dei disoccupati salito di 9 mila unità. Questo dato ha alimentato i timori che l’economia tedesca sta iniziando a risentire della crisi dei paesi periferici. Inoltre la Spagna ha detto di non volere chiedere un salvataggio all’UE nel breve.

In USA richieste di sussidi di disoccupazione e spese personali sono state solo leggermente più deboli del previsto. È da segnalare che domani terminerà l’attesa per la testimonianza del presidente della Fed Bernanke a Jackson Hole. Bernanke parlerà alle 16 ore italiane.

Intel, Caterpillar e Alcoa hanno perso più dell’1% per i timori sulle prospettive di crescita dell’economia mondiale.