Le vendite di profitto hanno caratterizzato la seduta odierna di Wall Street nonostante la prosecuzione del trend al rialzo delle borse europee per le attese che misure per fronteggiare la crisi del debito dei paesi periferici possano essere implementate nelle prossime settimane. Sulla scia del calo di Apple, che ha perso l’1,4% dopo avere registrato ieri il massimo storico oltre i 670 Dollari, il Nasdaq e lo S&P500 hanno perso lo 0,3% e il Dow Jones Industrial lo 0,5%.

In attesa dei dati macro e della Fed

A fare scattare le prese di profitto dopo il rally di oltre il 10% da inizio giugno sono state anche le attese per i dati economici che saranno pubblicati a partire da domani. I dati sulle vendite di case dovrebbero confermare la ripresa del settore immobiliare mentre gli ordini di beni durevoli dovrebbero ulteriormente crescere in luglio. Molto forte è anche l’attesa per le indicazioni provenienti dalla Fed, con l’appuntamento più rilevante che sarà la prossima settimana il simposio di politica monetaria che si terrà a Jackson Hole. I verbali della riunione della Fed dello scorso 1 agosto che saranno pubblicati domani daranno ulteriori informazioni sulla decisione di mantenere la politica monetaria immutata ad inizio mese.

Le vendite si sono concentrate oggi nel settore tecnologico pur mancando notizie specifiche. Google è arretrata dello 0,9% e Hewlett Packard dello 0,8%. Best Buy, catena specializzata nella vendita di prodotti elettronici, ha perso l’1,4% dopo avere pubblicato risultati inferiori alle attese e avere sospensione l’annuncio di stime per il futuro.