Giornata dominata dall’Eurogruppo sulla Grecia e dal dibattito sul fiscal cliff. A circa un’ora e mezza dall’apertura i futures Usa vedono il contratto sul Dow Jones segnare un -0,34%, quello sul Nasdaq un -0,28% e quello sullo S&P500 un -0,41%.
I futures statunitensi seguono l’andamento dei mercati europei, anch’essi negativi. Gli spread si sono mantenuti bassi, con il differenziale tra titoli di Stato italiani e tedeschi di durata decennale che al momento si attesta intorno ai 336 punti base.
Oggi non sono attese indicazioni macro da Oltreoceano, ma gli operatori guarderanno da vicino i dati in arrivo dalla stagione dello shopping natalizio. Nel fine settimana è stato registrato un record di vendite durante il weekend del Thanksgiving, che segna l’inizio della stagione degli acquisti di Natale negli Stati Uniti. E segnali importanti potrebbero arrivare oggi anche dal Cyber Monday. Si tratta del primo lunedì successivo al Black Friday ed è il giorno in cui tradizionalmente inizia lo shopping on line negli Stati Uniti. Secondo le rilevazioni di comScore l’ammontare di acquisti online effettuati dai consumatori Usa ha superato il miliardo di dollari. E’ la prima volta che ciò accade. Gli acquisti “virtuali” sono passati da 816 milioni di dollari del Black Friday 2011 a 1.042 milioni con un incremento del 26%.”Con il Ringraziamento ormai alle spalle e il ritorno di molti consumatori al lavoro domani, attendiamo i risultati del CyberMonday che di norma dovrebbe essere il giorno di maggiore shopping online della stagione con vendite anche superiori a 1,5 miliardi di dollari” ha commentato Gian Fulgoni, presidente di comScore. Amazon è stato il negozio online più visitato, seguito da Walmart, Best Buy, Target e Apple.