Siamo abituati a parlare male del settore pubblico. Ma a volte bisogna ricredersi. E questo è uno di questi casi: dal 1 aprile, sui canali Fisconline ed Entratel dell’Agenzia delle Entrate è possibile fare visure catastali ed ipotecarie, ottenere mappe con la particella terreni, planimetrie di un fabbricato. Questo  nuovo servizio per i contribuenti è stato previsto dal provvedimento del direttore dell’Agenzia dello scorso 4 marzo.

La procedura attualmente non è attiva per gli immobili situati nelle province autonome di Trento e Bolzano, e per le visure ipotecarie, nelle zone dove vige il sistema tavolare – e quindi se Wikipedia non mente, nelle zone annesse all’Italia dopo il primo conflitto mondiale. Ovviamente è necessario abilitarsi, e per tutte le persone fisiche sarà possibile verificare tutte le informazioni relative agli immobili presenti sul territorio nazionale di cui il contribuente risulti titolare, anche parzialmente, del diritto di proprietà o di altri diritti reali di godimento.

Nello stesso quadro di semplificazione è stato previsto anche l’invio telematico degli atti alle Conservatorie dei registri immobiliari. Secondo quanto previsto da un provvedimento del direttore delle Entrate del 10 marzo 2014, non sarà più necessario recarsi presso gli uffici per richiedere le trascrizioni, le iscrizioni e le annotazioni: tutti i pubblici ufficiali (e quindi segretari comunali, ufficiali roganti della P.A., agenti della riscossione) potranno farlo online grazie al modello unico informatico disponibile sul sito dell’Agenzia. Questa facoltà dovrebbe ovviamente valere anche per i notai


photo credit: Tarantino Vincenzo via photopin cc