Parte oggi, dopo la chiusura della seduta di Borsa di Wall Street, la earning season, ossia il periodo in cui le principali società appartenenti all’indice S&P500 presentano i risultati finanziari dell’ultimo trimestre. A dare il via alle danze sarà come di consueto il colosso dell’alluminio Alcoa, questa sera, seguita da Google, giovedì, e dai due giganti del credito, Jp Morgan Chase e Wells Fargo, venerdì.

Attese all’insegna della cautela e intanto il mercato del lavoro fa flop

Secondo le attese di consenso gli utili delle società che compongono l’indice S&P 500 dovrebbero registrare nel primo trimestre del 2012 un calo dello 0,1% rispetto 12 mesi fa.

Intanto ieri i principali indici azionari statunitensi hanno terminato in calo la prima seduta della settimana. Il Dow Jones ha chiuso in calo dell’1% scendendo al di sotto della soglia dei 13.000 punti, il Nasdaq dell’1,08% e lo S&P dell’1,14%. Sull’umore degli investitori ha pesato il rapporto sul mercato del lavoro distribuito venerdì a mercati chiusi. In marzo l’economia Usa ha creato solo 120mila nuovi posti di lavoro contro le 204mila unità attese dalla comunità finanziaria.

In settimana uno dei dati più interessanti in arrivo è quello sull’inflazione che verrà reso noto venerdì. Secondo le previsioni della comunità finanziaria, l’indice dei prezzi al consumo dovrebbe registrare una crescita dello 0,3% su base mensile. Sempre venerdì è in calendario il dato preliminare della fiducia elaborata dall’università del Michigan, attesa a 76,6 punti, in leggero rialzo rispetto alla precedente rilevazione (76,2 punti).