Altro che ripresa, i dati sul commercio a luglio pubblicati oggi dall’Istat mostrano tutti il segno meno. Le vendite al dettaglio segnano il -0,1% rispetto al mese precedente – se si confronta il trimestre maggio-luglio con quello precedente la correzione è più marcata (-0,5%).

Non parliamo poi del confronto su base annua: la contrazione raggiunge l’1,5%. E’ il risultato di una variazione negativa del 2,5% per i prodotti alimentari, mentre per i non alimentari la riduzione è dell’1%.  Anche nella media del trimestre maggio-luglio 2014, l’indice scende rispetto ai tre mesi precedenti (-0,5%).

Se si guarda alla forma distributiva, il confronto tra luglio 2013 e 2014, mostra una riduzione dello 0,9% nella grande distribuzione e del 2% per le piccole superfici. Tra gennaio e luglio di quest’anno si è registrata una diminuzione dell’1,1% delle vendite al dettaglio rispetto allo stesso periodo del 2013.

Se guardiamo al valore delle vendite, si registra un aumento dell’1,2% per giocattoli, sport e campeggio, mentre c’è una variazione nulla per foto-ottica e pellicole, supporti magnetici, strumenti musicali. Per tutti gli altri gruppi non alimentari siamo in flessione: da registrare in particolare il -3,6% di cartoleria, libri, giornali e riviste.

photo credit: Pam loves pie via photopincc