(Finanza.com) Deciso calo per le vendite al dettaglio ad aprile. L’indice, segnala l’Istat, ha mostrato una contrazione dell’1,6% su base mensile, per un calo tendenziale del 6,8%. “L’arretramento congiunturale è il più ampio da maggio 2004, mentre quello su base annua è il peggiore dall’avvio delle serie storiche nel gennaio 2001″ sottolinea in una nota Confcommercio. Nel confronto con marzo 2012, le vendite diminuiscono dell’1,5% sia per i prodotti alimentari sia per quelli non alimentari. “Rispetto ad aprile 2011, invece, le vendite di prodotti alimentari – prosegue l’associazione – calano del 6,1% e quelle di prodotti non alimentari del 7,1. Le vendite per forma distributiva mostrano, nel confronto con aprile 2011, una marcata contrazione sia per la grande distribuzione (-4,3%), sia per le imprese operanti su piccole superfici (-8,6%)”.