A fronte dei conti in rosso di Air France, ci sono delle notizie positive che arrivano dalla Ryanair che ancora una volta può dichiarare di aver incrementato gli utili, con un po’ di scetticismo sulla tenuta del suo sistema anche per l’anno in corso, periodo in cui gli effetti della crisi economica potrebbero essere imperanti. 

Nel settore aereo, da un lato abbiamo le perdite di Air France che è chiamata ad attuare un drastico piano di dimissioni volontarie, circa 5000 posti, da qui al 2015; dall’altro c’è Ryanair che pur non essendo considerata l’alter ego della compagnia francese, continua a macinare utili.

Ryanair, contrariamente a quello che si può immaginare in un periodo di crisi, non se la passa poi così male, spiega Les Echos. La compagnia che ha fissato la sua sede a Dublino, infatti, ha tirato le somme alla fine di marzo relativamente al periodo d’esercizio fiscale. Nell’anno precedente può vantare utili per 480 milioni di euro, un risultato anche migliore rispetto al 2010.

Per l’anno in corso, invece, gli analisti interrogati da Bloomberg spiegano che non ci sono prospettive altrettanto floride per Ryanair che vedrà una battuta d’arresto all’incremento degli utili, o meglio, crescerà ma non più di quanto abbia dimostrato finora.

La crisi dei carburanti incide parzialmente sui suoi costi, a pesare è più la crisi economica dell’Eurozona.