Ok un sondaggio non vuole dire nulla, visto le topiche che hanno fatto negli ultimi anni gli istituti di rilevazione. Ma visto l’aria che tira diventa difficile non pensare che per una volta ci abbiano preso:  Datamedia ha chiesto per il quotidiano romano il Tempo, ad un campione di italiani se l’uscita dall’Euro possa rappresentare un fatto positivo per l’Italia. Il risultato è stato un quasi plebiscito: poco meno di sei italiani su 10 hanno risposto affermativamente – precisamente si tratta del 58,1%. Un abisso separa i si dai no – solo il 22% del campione ha risposto in questo modo.


I burocrati europei dovrebbero capire che la misura è colma, visto che in genere gli italiani erano tra i più popoli europeisti del continente… Se si votasse oggi questa deriva critica antieuropea non troverebbe più di tanto spazio tra le formazioni politiche: per ora Fratelli d’Italia e Lista Tsipras non raggiungerebbero la soglia del 4% – anche se entrambe le formazioni mostrano un trend positivo.

LEGGI ANCHE
Uscire dall’Euro: per il Sole 24 Ore costerebbe 2.000 miliardi di euro

Uscire dall’euro: senza unione politica non c’è unione monetaria, l’intervista a Sergio Cesaratto
Uscire dall’Euro: la Germania non ritornerà mai al marco

photo credit: PIAZZA del POPOLO via photopin cc