(Finanza.com) “Mentre Obama e Romney tenevano i loro discorsi conclusivi a chiusura delle rispettive campagne elettorali, la più grande economia del mondo ha ricevuto una forte spinta dalla creazione di 171.000 nuovi posti di lavoro ad ottobre”. È quanto si legge nel commento settimanale sul mercato valutario preparato dagli analisti di JP Morgan Private Bank. Nonostante questo, gli analisti di JPM ritengono che l’andamento positivo del mercato del lavoro “non modificherà il percorso intrapreso dalla Fed” che “è probabile che consideri la recente crescita dell’occupazione esclusivamente come un segnale positivo”, rileva il report.

“La questione dell’imminente ‘fiscal cliff’, che si aprirà quando scatteranno automaticamente aumenti delle tasse e tagli alla spesa pubblica che potrebbero costare all’economia addirittura 500 miliardi di dollari (~3%), non è stata ancora affrontata e diventerà un elemento dell’agenda post elettorale”.