I future sugli indici americani viaggiano in ribasso facendo presagire una partenza negativa per la Borsa di New York. In questo momento il future sul Dow Jones segna un calo dello 0,38%, mentre quello sull’S&P500 scivola dello 0,41% e quello sul Nasdaq cede lo 0,62%. Ieri Wall Street ha chiuso piatta e con volumi bassi per via del Veterans Day.

Gli investitori rimangono scettici sulla decisione dell’Eurogruppo di concedere alla Grecia altri due anni per raggiungere i target di bilancio, mentre lo sblocco degli aiuti è stato rimandato alla riunione straordinaria del 20 novembre. Oltreoceano preoccupa anche il tema del fiscal cliff che in questo settimana entrerà nel vivo. Domani infatti sono attesi i leader del Congresso alla Casa Bianca, per discutere con il presidente Barack Obama.

Guardando al fronte macro, scarsa l’agenda odierna che prevede come unico dato quello sulla fiducia delle piccole imprese a ottobre. Tra i singoli titoli, in evidenza Home Depot (+2,60% nel pre-market) che ha battuto le attese e alzato la guidance. In calo di oltre il 3% nel pre-market, invece, Microsoft dopo il cambio a sorpresa nella guida di Windows. Ieri sera, il gruppo dei software ha annunciato che il presidente di Windows e Windows Live, Steven Sinofsky, ha lasciato il gruppo con effetto immediato. Al suo posto è stata promossa Julie Larson-Green.