(Finanza.com) Unipol e Premafin hanno deciso di modificare l’accordo di manleva e il diritto di recesso, tenendo conto delle indicazioni della Consob in relazione alla richiesta di esenzione dall’obbligo di Opa obbligatoria chiesta dalla compagnia bolognese. L’accordo sulla manleva è stato modificato, si legge in una nota, “per limitarne l’operatività esclusivamente nei confronti e in favore degli amministratori e sindaci di Premafin, Fondiaria Sai, Milano Assicurazioni e delle rispettive controllate, in carica nel periodo 200-2011, che non detenessero, direttamente o indirettamente, anche per il tramite di società controllate, azioni Premafin alla data del 29 gennaio 2012″. In più, le società hanno concordato di limitare il diritto di recesso in moto tale che “il diritto di recesso non spetti agli azionisti di riferimento di Premafin e ciò impregiudicata ogni futura valutazione in merito all’esclusione del diritto di recesso a tutti gli azionisti Premafin nell’ambito della fusione”.