Le indiscrezioni del quotidiano spagnolo EL Pais parlano di un piano da 200 miliardi di Euro tra investimenti pubblici e privati che la Commissione Europea sta preparando per dare forza alla crescita economica. Il piano sarà discusso durante il prossimo vertice dei capi di stato e di governo della Ue in programma a fine giugno. Questo progetto sarebbe il frutto del dialogo tra il premier italiano Mario Monti, il presidente della Bce Mario Draghi, il candidato all’Eliseo Francois Hollande e Angela Merkel, anche se quest’ultima si sarebbe mantenuta un po’ defilata.

Le opzioni sul piatto

L’obiettivo della Commissione Europea è quello di rilanciare gli investimenti, in particolare nelle infrastrutture, nel settore delle tecnologie e nella green economy. Secondo il quotidiano spagnolo diverse opzioni sono già state discusse per finanziare questi progetti. Tra le ipotesi ci sono gli eurobond, un maggior coinvolgimento della Banca europea degli investimenti e l’intervento del meccanismo di stabilità finanziaria permanente della Ue.

Una delle opzioni di finanziamento, anche se considerata poco probabile viste le difficoltà dei conti pubblici di molti paesi, sarebbe l’iniezione, da parte dei paesi membri, di dieci miliardi di euro nel capitale della Bei. Un’altra alternativa sarebbe quella di utilizzare i 12 miliardi di euro non ancora utilizzati dal Fondo di stabilità Europea come capitale della Bei per fornire una “garanzia per attivare progetti di infrastrutture pubblico-privati attraverso strumenti finanziari sofisticati e con i project bond”.