Inutile oggi cercare il solito hotel. Meglio andare in un appartamento, ben arredato, con tutti i comfort e gli accessori necessari per poter così avere la possibilità di vivere a pieno l’alloggio.

La soluzione del Bed&Breakfast, ha trovato la sua evoluzione grazie a Airbnb.it. Ma che cos’è Airbnb? Si tratta di una vera e propria community in cui vengono pubblicati, cercati e prenotati alloggi, dal computer o comodamente da uno smartphone. A pubblicare gli annunci sono direttamente i proprietari di casa! E’ possibile trovarvi qualsivoglia tipo di annuncio: dal castello alla villa, dal semplice appartamento ad un loft. E i prezzi sono per tutte le tasche.

Grazie alla settimana della moda, ho avuto occasione di visitare un appartamento nel pieno centro di Milano, presente nel portale Airbnb.it. L’appartamento in questione è in una palazzina di via Durini, accanto all’elegante Piazza San Babila.

Posizionato all’ultimo e silenzioso sesto piano, con le finestre che affacciano sul cortile interno (la pace e la tranquillità sono garantiti!) l’appartamento ha internamente tutte le particolarità dell’eleganza: pavimenti in parquet, pareti bianche, dettagli curati nell’arredo, un’ottima illuminazione, la scelta di lampade e apparati luminosi ben ponderata.

L’ingresso è stato ottimamente ribassato. Si tratta di una piccola bussola separata visivamente dal soggiorno, grazie alla presenza dell’abbassamento, dal quale in prospettiva appare tutta la zona living, con in lontananza la presenza della cucina. La zona living è articolata in tre differenti punti: soggiorno con divani, una parte con differenza di livello separata dal resto da tre gradini, dove vi è alloggiato un ulteriore divano con la possibilità di divano letto, e in un punto che dà l’idea di disimpegno, vi è posizionato il tavolo da pranzo; così sviluppato, l’ambiente si fa vivere nelle sue tre differenti situazioni, creando una sorta di triplice ambiente in un unico vano.

Comunicante con la zona living, la cucina è arredata in maniera lineare e non banale. Sportelli laccati lucido quasi a specchio, inserti in legno da richiamare il parquet che domina ogni ambiente, e una comoda penisola-tavolo alto, ne arredano gli spazi; tra cassetti e vani, la cucina si presenta attrezzata per ogni tipo di situazione: dalla colazione al pranzo, fino alla possibilità di organizzare cene di lavoro.

La camera da letto colpisce per il suo richiamo alla classicità che ne ha governato gli spazi, negli anni passati. Infatti l’arredo al suo interno, presenta una classicità che ben si accosta alla forma più ricercata del letto, semplice e lineare, in linea con il resto della casa. Senza dimenticare, che gli arredi sono poggiati su di un pavimento in listoni di legno.

Veniamo infine al bagno. Qui troviamo la memoria della casa; domina la piastrella smaltata, con una tinta blu che tanto riporta alla memoria, il design che un tempo dominava tutto l’insieme. Davvero azzeccata la scelta dell’interno doccia: un mosaico gira all’interno  lungo le pareti della doccia. Il tutto poi, è spezzato dalla rubinetteria e i sanitari (scegliere la serie Zelig della Dolomite, non è solo un  limitare l’ingombro dei sanitari, ma anche il richiamo di quelle forme tonde-elissoide tanto amate negli anni settanta), non troppo moderni per le piastrelle smaltate, ma nemmeno troppo retrò da cadere nella banalità. Ottima scelta infine, l’inserimento della doccia: ampia e comoda, con un pregevole cristallo trasparente nel box.

Sottolineo poi l’aperitivo in terrazza, comunicante con la cucina: non troppo ampio, ma sempre molto elegante.

Ammetto che mi ha sorpreso la cura con la quale questa casa è stata arredata e rifinita. Ed è molto interessante la soluzione alternativa che propone Airbnb, in termini di alloggio per soggiorni lontani da casa. Interessante sia per il proprietario, che per l’affittuario; una vera rivoluzione nel nostro modo di viaggiare. Basti pensare che dal portale si possono scegliere alloggi in oltre 35.000 città e 192 differenti paesi. Una vera “catena” di alloggi certificati, in quasi tutto il mondo.

[Vi ricordiamo che grazie Airbnb la nostra fashion editor Laura Manfredi ha potuto alloggiare in pieno centro a Milano durante la Fashion Week]

Publiredazionale