Biondi o con gli occhi a mandorla. Stando all’indagine sui tour operator internazionali che “vendono” il prodotto Italia, realizzata dall’Osservatorio sul turismo di Unioncamere, sono aumentati rispetto allo scorso anno i viaggi organizzati per l’estate 2012 dai turisti provenienti dai Paesi Scandinavi e da quelli dell’Estremo Oriente, Giappone e Cina in primo luogo. Crescono anche gli australiani che, in oltre un terzo del totale dei viaggi acquistati, hanno preferito l’Italia ad altre destinazioni. A questi elementi positivi fa da contraltare la riduzione, rispetto al 2011, della quota di vendite di viaggi organizzati da parte della maggioranza dei Paesi europei e degli Stati Uniti, cosa che dovrebbe comportare una riduzione complessiva del turismo internazionale veicolato dai tour operator di circa 4 punti percentuali (dovrebbe sfiorare quest’anno il 27% dei pacchetti venduti a fronte del 31% del 2001). Malgrado questo primo dato sulle vendite dei pacchetti di viaggio, le previsioni degli operatori sono nella stragrande maggioranza di stabilità (la segnalano nella metà dei casi). 

L’evoluzione dell’industria del turismo in Italia

“Dato il momento di difficoltà e incertezza economica che sta investendo tutto il mondo, non c’è da stupirsi che possa verificarsi un rallentamento del turismo”, ha sottolineato il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello. “Resta il fatto positivo – che questa indagine conferma – che l’Italia è il Paese più amato e desiderato dai viaggiatori di tutto il Pianeta. E’ indispensabile, quindi, mantenere competitive le nostre imprese del settore, puntando sulla qualità, ampliando le loro capacità di soddisfare bisogni e intercettare nuove tendenze del turismo mondiale. Tutte azioni che vedono fortemente impegnate le Camere di commercio con il progetto Ospitalità Italiana che in Italia e nel mondo certifica la qualità delle strutture”. 

Per il 2013 sono più positive le previsioni dell’andamento della domanda di viaggi organizzati verso l’Italia. Soltanto il 9,3% dei tour operatori prevede una diminuzione, mentre il 64,6% indica una stabilità e il 26,1% un aumento.

Sul mercato europeo e su quello statunitense 7 operatori su 10 indicano che la domanda di viaggi organizzati non subirà oscillazioni, segnali negativi di contro arrivano dal mercato spagnolo, riguardo al quale oltre la metà dei tour operatori indica una diminuzione della domanda di viaggi organizzati.

Più positive rispetto alla media le previsioni degli operatori argentini, il 60% dei quali prevede un aumento della domanda di viaggi organizzati verso l’Italia per il 2013, di quelli indiani (53,2%), cinesi (50%), e australiani (40%).