È scattato questa mattina un blitz del  Nucleo Valutario della Guardia di Finanza negli uffici dei direttori regionali di Equitalia-sud di Lazio e Calabria a seguito delle indagini coordinate dal procuratore aggiunto di Roma Nello Rossi e dei sostituti Francesca Loy e Stefano Fava.

In cambio di mazzette venivano velocizzate le cancellazioni dei debiti con l’erario. Il funzionario di Equitalia arrestato è Salvatore Fedele, alcuni imprenditori attraverso professionisti, avrebbero contattato Fedele, riuscendo, con pratiche corruttive e mazzette, a ottenere prima la rateizzazione dei propri debiti con l’erario, infine la cancellazione.

Il danno stimato sarebbe di almeno 17 milioni di euro, anche se si tratta solo di una prima stima e potrebbe essere decisamente superiore.

LEGGI ANCHE

Scandalo Regione Sicilia: gioielli e mutande con i soldi dei rimborsi

Scandalo Ior Vaticano: monsignor Scarano nuovamente arrestato

Terremoto Abruzzo tangenti: dopo gli arresti si dimette il vicesindaco