Truffa all’Inps da 11 milioni. E’ di dimensioni notevoli la truffa scoperta dai finanzieri del Comando provinciale di Cosenza che ha portato all’esecuzione di 15 provvedimenti di arresti domiciliari, 21 obblighi di presentazione alla pg ed un obbligo di dimora. Le fiamme gialle ha scoperto l’esistenza di oltre 4 mila falsi braccianti agricoli.

Una vasta organizzazione criminale che procurava false indennità di disoccupazione, di malattia e di maternità con correlativa contribuzione figurativa, dietro il corrispettivo di una somma di denaro: operazione che ha seguito perquisizioni e sequestri nell’ambito di un’inchiesta per una truffa all’Inps da 11 milioni.

Alle operazioni hanno fatto seguito sequestri di beni per complessivi 66 milioni di euro. Tra i beni sequestrati, precisano dalle Fiamme Gialle, anche un patronato sindacale e 23 tra società, cooperative e ditte individuali agricole. Nel corso dell’operazione sono state eseguite anche 84 perquisizioni e notificati 92 avvisi di garanzia. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata e continuata ai danni dell’Inps, peculato, corruzione, abuso d’ufficio, falso, accesso abusivo a sistemi informatici e violazione della normativa in materia elettorale.