Le borse asiatiche hanno vissuto oggi una seduta positiva sulla scia del rimbalzo di ieri di Wall Street. Le borse statunitensi sono state confortate dal buon andamento dei dati economici e dai risultati migliori delle attese annunciati da alcuni dei titoli a maggiore capitalizzazione, quali Coca Cola e Intel. I mercati, inoltre, continuano a beneficiare delle ipotesi che la politica monetaria cinese possa farsi più espansiva nei prossimi mesi, sostenendo la crescita economica nella seconda parte dell’anno. Il Nikkei è avanzato dello 0,8%, l’Hang Seng dell’1,5% e il Kospi dell’1,6%.

Speranze sulla Cina

Con riferimento allo scenario economico asiatico, gli investitori guardano con attenzione a cosa sarà deciso dal Governo Cinese, che potrebbe aumentare il proprio deficit di bilancio secondo le stime di un economista di Governo. Il premier Wen Jibao, quindi, potrebbe annunciare misure per incoraggiare i debiti al settore privato. La prossima mossa attesa sul fronte della politica monetaria è un taglio delle riserve che le banche commerciali devono detenere presso la   Banca Centrale

Tra i singoli titoli si sono mossi in evidenza i bancari, con China Construction Bank salita del 2,7% e Bank of Communications a +2,9%.  La borsa australiana è salita dell’1,7%, guidata dai progressi di BHP Billiton, a 2,6%, e dei bancari, tra cui Commonwealth Bank of Australia a 0,9%.