I titoli tecnologici e quelli legati all’economia digitale, in un panorama di forte crisi anche in borsa, hanno dimostrato di saper tenere.

Per esempio Google ed Apple continuano a mietere successi e si presentano agli investitori con un bel gruzzoletto di dividendi.

Non si può dire la stessa cosa per altre società del ramo tecnologico che non se la passano poi così bene.

Iniziamo con l’analizzare la situazione di Ebay. Il portale di e-commerce più grande del mondo deve cedere il passo alle evoluzioni del mercato e ai “concorrenti”. I suoi utili, infatti, sono in netto calo.

A tenere a galla il titolo, le ottime performance di una sua costola: Paypal, uno strumento molto utile per lo scambio di denaro.

Dopo Apple che “non sa che farsene” dei soldi guadagnati, anche Yahoo! presenta il conto e sul volto dei suoi supporter non si legge un sorriso. Durante il primo semestre dell’anno, infatti, il titolo è stato molto debole.

Sorprende il mercato anche la performance negativa della Nokia, finora leader nella produzione di telefonini e smartphone. Per la prima volta dopo un anno e mezzo, l’azienda finlandese ha chiuso il trimestre in rosso. La perdita registrata è di 368 milioni di euro.

Riguardo il volume d’affari, Nokia cede il passo ad Apple per la produzione di Smartphone.