Il TFR è il Trattamento di Fine Rapporto, in caso di dipendenti pubblici di parla di TFS, cioè di Trattamento di Fine Servizio. Si tratta sempre dell’indennità di liquidazione che spetta ai dipendenti pubblici ex INPDAP, ora confluita nell’INPS, assunti a tempo indeterminato prima del 31 dicembre 2000.

Il TFS differisce dal TFR sia nell’ammontare dell’importo, che nelle tempistiche della sua liquidazione, che può avvenire anche dopo 2 anni dal pensionamento del dipendente. In generale la percezione del TFS è differita rispetto alla data di cessazione del rapporto.

La normativa prevede per la liquidazione del TFS le seguenti scadenze:

  • 105 giorni, in caso di cessazione dal servizio per decesso o sopravvenuta inabilità del dipendente;
  • 12 mesi, in caso di conseguimento di pensione di vecchiaia, pensione anticipata, raggiungimento dei limiti di servizio in generale;
  • 24 mesi, in caso di dimissioni volontarie senza diritto a pensione, o di dimissioni volontarie per raggiungimento dei requisiti della pensione anticipata. Dopo il 2017 tale termine varrà per tutti i casi di raggiungimento della pensione anticipata con penalizzazioni, anche senza dimissioni volontarie.