(Finanza.com) Telecom Italia sotto i riflettori a Piazza Affari. Carsten Schloter, Ceo di Swisscom che controlla Fastweb, ha dichiarato che non avrebbe senso in Italia sviluppare un progetto di Next Generation Network senza coinvolgere il colosso tlc e che la soluzione tecnologica proposta da Telecom (Fiber To The Cabinet) è da preferirsi in Italia a quella proposta da Metroweb (Fiber To The Home) di cui Fastweb è fra l’altro azionista. “Negli ultimi giorni sono aumentati i segnali positivi in favore della creazione di una rete unica Telecom-Metroweb”, rileva Equita nella nota raccolta da Finanza.com. Secondo recenti indiscrezioni la società italiana scorporerebbe la rete di accesso, Metroweb conferirebbe i suoi assets e Cassa Depositi e Prestiti sottoscriverebbe un aumento di capitale da 3 miliardi di euro. La rete di Telecom sarebbe valutata 12 miliardi circa, questa controllerebbe circa il 75% della nuova società di rete e avrebbe un più veloce deleverage. “La notizia, se confermata, non può cambiare sostanzialmente la valutazione di Telecom. L’impatto di medio potrebbe essere positivo in quanto prevarrebbe la riduzione della tensione competitiva ed il deleverage, tema caldo che preoccupa tutto il settore”, conclude la Sim milanese che mantiene la raccomandazione hold con target price a 0,75 euro. Il titolo scivola in fondo al Ftse Mib in ribasso dell’1,62% a quota 0,728.