Al di là dell’aspetto finanziario sull’operazione che consente alla spagnola Telefonica di diventare il principale azionista di Telecom Italia, attraverso l’acquisizione progressiva dell’intero pacchetto azionario della holding Telco, esiste una questione molto più delicata di quello che appare come semplice nazionalismo imprenditoriale.

L’allarme arriva da una fonte che sembrerebbe poco collegata alla vicenda: il Copasir, l’organo parlamentare di controllo dei servizi segreti. Il suo attuale presidente, il senatore della Lega Nord Giacomo Stucchi (foto by InfoPhoto) mette in guardia dai pericoli della principale rete di telecomunicazioni fuori dal controllo nazionale: “La questione pone seri problemi di sicurezza nazionale, visto che la rete Telecom è la struttura più delicata del Paese, attraverso cui passano tutte le comunicazioni dei cittadini italiani ed anche quelle più riservate. Su questo tema faremo una riflessione come Comitato e chiederemo che venga a riferire in audizione il direttore del Dis, Giampiero Massolo“. Il Dis è il dipartimento informazioni per la sicurezza; fa capo alla presidenza del Consiglio dei ministri.