Telecom Italia dopo un periodo opaco ritorna sotto i riflettori. Qualche giorno fa avevo scritto del passaggio della quota di azioni dell’ex-monopolista da Telefonica a Vivendi. Questa notizia però non ha spento i tanti rumor che si accavvallano in questi giorni.

Uno riguarda possibili alleanze tra la Telecom e Mediaset. Voci che non sono state smentite da Fedele Confalonieri, anche se si tratta di “cose complicate“, per le quali “è più semplice a dirsi che a farsi“. Ma di cosa si potrebbe trattare? Non certo di fusione, visti i limiti imposti dal Testo unico su radio e Tv. Più percorribile il cammino che porta ad alleanze di tipo commerciale tra le due aziende.

Accanto a questo c’è anche l’indiscrezione, riportata da Bloomberg, dell’interessamento di Sol Trujillo, manager Usa di origiini messicane, ex-Ceo di Telstra e Orange, sarebbe al lavoro per lanciare – insieme ad altri – un’offerta su Telecom. Il manager avrebbe già incontrato esponenti di Palazzo Chigi. Si fa il nome di Raffaele Tiscar, vice segretario generale della Presidenza del Consiglio e uomo considerato molto vicino all’attuale premier.

Il manager starebbe definendo una cordata con i fondi del Qatar e Abu Dhabi – i primi sono più interessati alla rete. E l’offerta complessiva dovrebbe aggirarsi sui 7,5 miliardi di euro. Da evitare acquisti a credito (come è avvenuto con i capitali coraggiosi), ovvero Opa con i soldi prestati dalla banca. E’ soprattutto per questo che il debito della Telecom è esploso nell’ultimo decennio.