In calo a giugno i tassi di interesse sui prestiti concessi dalle banche italiane alle famiglie e alle imprese. I dati sui bilanci bancari pubblicati oggi da Bankitalia evidenziano la discesa al 4,18% dei tassi sui prestiti per l’acquisto di abitazioni dal 4,33% del mese precedente. Si tratta del valore più basso da inizio anno quando il livello medio dei tassi sui mutui si attestava al 4,55%. In flessione anche i tassi relativi al credito al consumo dal 9,98% al 9,81%. I dati Bankitalia evidenziano come siano scesi anche i tassi sui prestiti alle imprese: da 4,68 a 4,61% per quelli di entità inferiore al milione di euro e dal 3,13% al 2,97% per quelli oltre tale soglia.

Prestiti a imprese in calo dell’1,5%, crescono invece i depositi

Nonostante i minori tassi, i prestiti concessi alle imprese sono scesi a giugno dell’1,5% rispetto all’analogo periodo del 2011, calo più accentuato rispetto al -0,4% fatto registrare a maggio. In crescita ma a ritmo inferiore rispetto a maggio i prestiti alle famiglie con un +0,8% annuo rispetto al +1,3% di maggio. Crescono invece a ritmo sostenuto i depositi del settore privato con un +2,9%, ritmo più elevato da inizio anno e chen si confronta con il +1,9% di maggio.

Cresce ammontare titoli di stato in mano a banche italiane

Sempre oggi Bankitalia ha diffuso i dati relativi all’ammontare dei titoli di stato italiani in mano alle banche del Belpaese. Le banche italiane a fine giugno detenevano titoli di stato italiani per 316,1 miliardi di euro, in rialzo rispetto ai 302,5 miliardi di euro di maggio. Da inizio anno la quota di bond governativi detenuti dalla banche con sede in Italia è cresciuta di oltre 100 mld.