Dove vanno a finire le nostre tasse? Accontentatevi di sapere questo: il 77% va a finire nelle casse dello Stato. Almeno questi sono i conti dell’Ufficio studi della Cgia di Mestre: su 472,7 miliardi di euro di imposte versate dai contribuenti nel 2012 – è l’ultimo dato disponibile -, 364,2 finiscono allo Stato, 78,9 alle regioni – si tratta del 16,7% -,  23,8 miliardi ai Comuni - siamo al 5% -, 4,1 alle province - 0,9%-, e 1,5 alle Camere di Commercio - 0,3%.

Cosa succede negli altri paesi europei? Secondo la Cgia si possono distinguere gli stati federali da quelli centralizzati. In un paese come la Germania il gettito statale è del 51%, mentre in Spagna questo valore crolla al 34,5%. Discorso opposto – ovviamente – per gli stati centralizzati: in Francia si sfiora l’80%, contro – addirittura – il 94% del Regno Unito.

La prima entrata per le casse statali è rappresentata ovviamente dall’Irpef: nel 2012, questa imposta ha garantito poco più di 151 miliardi di euro. Dietro si piazza l’Iva, che ha garantito quasi 87 miliardi di euro. Per le regioni invece, il maggior gettito è garantito dall’Irap: più di 33 miliardi di euro. Per le province, le entrate arrivano soprattutto dalle assicurazioni Rc auto (2,4 miliardi di euro), nei comuni, infine, la voce più significativa è l’Imu (15,6 miliardi di euro).

Come ci ricorda il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi: “la stragrande maggioranza del gettito finisce ancora nelle casse dell’Erario, mentre la spesa è stata progressivamente trasferita alle Amministrazioni locali“. E continua “Oltre il 57 per cento della spesa pubblica italiana è ormai in capo alle Regioni, alle Province e ai Comuni“, “la quasi totalità delle nostre tasse finisce a Roma, ma la maggioranza dei centri di spesa è ubicata in periferia“.

Il segretario della Cgia spera che il governo Letta “prosegua e dia un contributo importante al compimento della riforma sul federalismo fiscale avviata negli anni scorsi” in modo da “ridurre drasticamente il costo della Pubblica amministrazione sarebbe un risultato di portata storica
photo credit: Philip Taylor PT via photopin cc