Quali sono i titoli tassati al 12,5%? Come tutti sanno sono quelli emessi dallo Stato italiano, ovvero BOC (Buoni ordinari comunali), BOR (Buoni ordinari regionali), BOP (buoni ordinari provinciali), buoni fruttiferi postali emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti, oltre ai soliti Bot, Cct e Btp. A questi però bisogna aggiungere anche altri tipi di titoli. Come quelli emessi dagli organismi internazionali, e poi ci sono le obbligazioni emesse dagli stati esteri appartenenti alla white list e dai loro enti territoriali – per questi ultimi l’aliquota è passata dal 20 al 12,5% recentemente.

L’elenco completo dei paesi appartenenti a questa lista si possono trovare su questa pagina del sito dell’Agenzia delle entrate. In grosso si tratta di tutti quegli stati o territori che hanno accettato di scambiare informazioni con l’Italia e che rendono più complessi quei comportamenti finalizzati a trasferire i capitali in paesi esteri per evitare il pagamento di imposte al Fisco italiano.

LEGGI ANCHE

Opinione: tassare ulteriormente le rendite finanziarie? Ecco dieci buoni motivi per dissuadere Renzi
Tassazione rendite finanziarie: dal 1 luglio si passa al 26%, così chi guadagna meno paga di più
Rendite finanziarie: tassazione più bollo meccanismo diabolico, più guadagni e meno paghi (in %)!
Rendite finanziarie: euro-tassazione in vista per le polizze vita all’estero. Quali sono nel mirino
Risparmio e Fisco: tassare ancora le rendite finanziarie non è sostenibile. E neanche intelligente