Come si può pagare la Tasi? Il versamento di questa imposta sulla casa può avvenire con due modalità: si può utilizzare il bollettino c/c postale – che il comune dovrebbe compilare a chi ne fa richiesta – oppure si può far ricorso al modello di pagamento F24 – che può essere scaricato dal sito dell’Agenzia delle Entrate.

Il modello F24 può essere utilizzato per pagare oltre a questa imposta sulla casa anche Imu, Irpef, Ires, Tarsu, ritenute sui redditi da lavoro e sui redditi da capitale, e così via, ed è da preferire al bollettino se si intende usare il credito in compensazione. Per la sua redazione può essere utile riassumere qui tutti i codici tributo relativi all’imposta – sono stati indicati dall’Agenzia delle Entrate nella Risoluzione N. 46/E del 24 aprile 2014.

3958 TASI – tributo per i servizi indivisibili su abitazione principale e relative pertinenze – art. 1, c. 639, L. n. 147/2013 e succ. modif
3959 TASI – tributo per i servizi indivisibili per fabbricati rurali ad uso strumentale – art. 1, c. 639, L. n. 147/2013 e succ. modif.”
3960 TASI – tributo per i servizi indivisibili per le aree fabbricabili – art. 1, c. 639, L. n. 147/2013 e succ. modif.
3961 TASI – tributo per i servizi indivisibili per altri fabbricati – art. 1, c. 639, L. n. 147/2013 e succ. modif.

Sono stati istituiti anche i Codici Tributo per il versamento delle sanzioni e degli interessi dovuti a seguito dell’attività di controllo

3962 TASI – tributo per i servizi indivisibili – art. 1, c. 639, L. n. 147/2013 e succ. modif. Interessi
3963 TASI – tributo per i servizi indivisibili – art. 1, c. 639, L. n. 147/2013 e succ. Sanzioni