(Finanza.com) I dati sull’attività manifatturiera australiana non fanno bene alla Borsa di Sydney, che chiude con un tonfo dell’1,31%, con l’indice S&P/ASX200 a 4457,65 punti. L’indice si è attestatao a 45,2 punti in ottobre, in rialzo dell’1,1% su settembre ma sempre al di sotto della soglia di 50 punti che demarca la linea della recessione. Male tutti i settori, in particolare quello petrolifero cge ha ceduto l’1,20%, quello dei titoli industriali a -1,24%, quello dei materiali di base (-1,35%) e quello dei titoli finanziari (-1,29%).