Il sei luglio scorso è entrato in vigore il Superbollo auto per le macchine di grossa cilindrata. Entro il 10 novembre chi ha in garage il Suv, dovrà pagare un’addizionale con l’F24 elementi identificativi.Il decreto legge numero 98 del 2011 è quello che impone il Superbollo per le macchine adibite al trasporto di persone e cose con un motore che supera i 225 chilowatt di potenza.

La tassa addizionale che deve essere versata al fisco si calcola moltiplicando 10 euro per ogni chilowatt che supera i 225.

L’importo deve essere versato tramite il modello “F24 elementi identificativi”. Il termine ultimo per qualificarsi come “bravi contribuenti” è il 10 novembre 2011, vale a dire il 30esimo giorno successivo all’entrata in vigore del decreto ministeriale, che coincide con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Per l’occasione l’Agenzia delle Entrate definirà un codice tributo ad hoc, mentre nei prossimi anni il Superbollo, quindi la quota in eccedenza, dovrà essere regolarizzata entro la data prevista per il pagamento del bollo auto.

Unico problema da risolvere è la destinazione dell’addizionale che non va alle Regioni come il Bollo ma va all’Erario. Entro il 2012, il MEF definirà la tabella di marcia per l’adeguamento dei pagamenti, ma se la soluzione tardasse ad arrivare, allora si dovrà procedere ancora con il pagamento tramite F24.