Il fallimento della compagnia aerea Wind Jet sta provocando numerosi disagi ai viaggiatori. Per trovare una soluzione ai problemi dei viaggiatori l’Ente Nazionale dell’Aviazione Civile (Enac) ha predisposto una unità di crisi per facilitare la riprotezione dei passeggeri coinvolti nelle cancellazioni che il vettore ha effettuato. Questo significa, purtroppo, che centinaia di migliaia di passeggeri sono rimasti e rimarranno a terra. Cosa fare?

L’Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori (Aduc) ha messo a disposizione una serie di consigli.
Per prima cosa, almeno per i voli nazionali, alcune compagnie aeree hanno offerto la loro disponibilità, per un sovrapprezzo di circa 80 euro, ad imbarcare i passeggeri di Wind Jet su voli alternativi. L’Aduc consiglia quindi di visitare il sito dell’Enac e di contattare il servizio passeggeri dell’aeroporto di partenza per informazioni su queste possibili sostituzioni. Per i voli internazionali non ci sono invece novità, anche se l’Enac si è detta impegnata a cercare compagnie aeree disponibili a sostituire Wind Jet. Anche in questo caso, consigliamo di monitorare il sito dell’Enac e di contattare il servizio passeggeri dell’aeroporto di partenza. Dove non fossero offerti voli alternativi, specialmente per chi deve partire a breve per destinazioni internazionali, l’Aduc evidenzia che sarà necessario acquistare un altro biglietto con altra compagnia aerea se si vorrà partire.

Per ottenere il rimborso del biglietto non goduto o l’eventuale rimborso del sovrapprezzo per il volo alternativo, oltre al risarcimento di tutte le spese sostenute in aeroporto (comprese quelle di trasporto da e per l’aeroporto, vivande, etc.) e per l’eventuale vacanza rovinata, l’Aduc distingue due casi:

1. se il biglietto aereo fa parte di un pacchetto viaggio, si dovrà chiedere il rimborso al tour operator e l’eventuale agenzia presso cui si è acquistato con raccomandata a/r di messa in mora.

2. se invece si è acquistato il solo biglietto (quindi non facente parte di un pacchetto viaggio), si dovrà fare la richiesta direttamente alla compagnia aerea, sempre con raccomandata a/r di messa in mora.

Non appena la compagnia fosse dichiarata fallita, si dovrà poi procedere ad una istanza di insinuazione al passivo (L’Aduc darà tutte le informazioni necessarie ove fosse dichiarato il fallimento).