La riapertura delle borse di questa settimana è condizionata dall’attesa del vertice europeo in cui si dovrà discutere della situazione greca: il governo non ha raggiunto un accordo con i creditori. Le borse sono tutte in calo. Le maggiori borse europee fanno registrare un ribasso all’apertura della settimana di contrattazioni. A Milano si registra un calo dello 0,67% dell’indice All Share e un calo dello 0,72 per cento del Ftse Mib. Ma cos’è successo effettivamente a Piazza Affari?

In Italia sta avendo una discreta risonanza, anche negli ambienti finanziari, la vicenda che coinvolge Unipol. Tanto che il titolo Premafin, almeno in apertura, è sospeso dalle contrattazioni per eccesso di ribasso. Dopo aver perso circa il 30 per cento del suo valore, il titolo è stato reinserito nei listini.

Anche la Fondiaria SAI, coinvolta in questa maxi operazione, ha perso molto terreno, si parla di un calo pari al 9,2 per cento. Le azioni Unipol, invece, si apprezzano e guadagnano il 3,6 per cento. Di contro c’è Milano Assicurazione che perde quota e cede il 4,38%.

Pesa sulla borsa di Milano anche l’andamento dello spread. La settimana scorsa, alla fine delle contrattazioni si registrava un differenziale pari a 404 punti. Alla riapertura di ieri lo spread era a quota 408. A metà mattinata era già salito a 425 punti.