Le banche centrali hanno deciso di dare una scossa ai mercati ma a distanza di un giorno l’effetto liquidità è svanito. Le borse europee hanno guadagnato poco e si attendono le aste dei bond.Dopo l’abbassamento dei tassi da parte di alcune banche centrali, le borse hanno tirato un sospiro di sollievo ma a distanza di 24 ore, tutto sembra tornato come prima. Tanto che nella giornata di ieri, piazza Affari ha aperto timidamente le contrattazioni guadagnando soltanto lo 0,8 per cento.

Peggio i listini parigini che hanno guadagnato solo lo 0,2 per cento mentre una percentuale analoga negativa è stata il saldo iniziale di Francoforte.

Per quanto riguarda lo spread tra i nostri Btp e i Bund tedeschi, si è fortunatamente ridimensionato finendo sotto i 450 punti, così come i rendimenti che sono calati al di sotto della soglia del 7 per cento considerata da più parti abbastanza critica.

In generale, in queste ore, i mercati aspettavano di conoscere il risultato delle aste dei bonos spagnoli e dei titoli di Parigi. A Madrid si è registrata un’ottima domanda di titoli di stato e nel sono stati collocati 3,75 miliardi di euro.

Nella capitale francese, invece i tassi sono in calo e sono stati venduti titoli di stato per un valore di 4,5 miliardi di euro. Entrambi i paesi impegnati nelle aste hanno valutato positivamente la seduta. Riguardo il loro spread, quello tra i titoli francesi e tedeschi è sceso a 86 punti, mentre il gap tra i bonos e i bund si è assestato sui 373 punti.