La Cina, come anche molti altri paesi asiatici, ha avuto uno sviluppo economico importante negli ultimi anni che non ha disdegnato i lidi virtuali.

Ecco perché proprio in Asia dovrebbe nascere la superpotenza dell’e-commerce.

La Cina fa passi da gigante anche nel business online e si avvia a diventare la prima superpotenza del settore del commercio elettronico.

Si prevede che avverrà un superamento ai danni degli Stati Uniti già nel 2015. Questa evoluzione è merito della classe media emergente cinese che ha scoperto i vantaggi delle transazioni in internet e vuole liberalizzare l’e-commerce.

In Cina, i cittadini che navigano in rete sono oltre 458 milioni, un numero che supera abbondantemente gli utenti americani e cinesi messi insieme. È un dato strabiliante soprattutto se si pensa al fatto che nel territorio cinese la penetrazione del mezzo elettronico nelle case è fermo al 37%.

Sicuramente il numero degli utenti può arrivare facilmente a 700 milioni entro il 2020, grazie all’impulso che alla navigazione stanno dando i dispositivi mobile. iResearch ha provato a fare una stima della crescita dell’e-commerce in Cina.

Se nel 2011 i cinesi che hanno fatto acquisti online sono stati 147 milioni e hanno speso 840 miliardi di euro, nel 2015 potrebbero raddoppiare arrivando a spendere dai 329 miliardi di euro in su.