La crisi si farà ancora sentire, ma il 2012 sarà ancora un anno di crescita per l’elettronica di consumo: su scala mondiale il mercato del digitale dovrebbe crescere del 2% nel 2012 del +2% dopo avere segnato un +11% nel 2011. Questa la previsione dell’istituto di ricerca e analisi Gfk in occasione della presentazione dell’IFA, la fiera della tecnologia di Berlino che si terrà dal 31 agosto al 5 settembre. La crescita sarà trainata dai mercati emergenti: Africa, Brasile, Russia, ma anche India e Cina.

In rialzo le vendite di tecnologia smart

Quasi tutti i comparti dell’hi-tech sono in sofferenza. In Italia, ad esempio, nel 2011 i Tv Lcd hanno segnato una contrazione del 13,8% con riferimento al numero di TV vendute e del 20% con riferimento al controvalore. Il nostro paese ha sofferto la fine del passaggio al digitale terrestre. Negli altri principali paesi dell’Europa ha, invece, sostanzialmente tenuto il numero di pezzi venduti, ma si è verificato un crollo per quanto riguarda il controvalore: Spagna -25,7%, Regno Unito -12%, Francia -8% e Germania -0,5%.

Prosegue inarrestabile la corsa degli smartphone, che si confermano la maggiore spinta del mercato. Insieme con i features phone rappresentano ormai circa un terzo di tutta l’elettronica di consumo. Nel 2011, nella sola Europa occidentale, sono stati venduti 101 milioni di telefoni evoluti, un record senza precedenti, destinato tuttavia a essere battuto già dal prossimo anno. L’analisi di Gfk evidenzia come sull’Italia pesa in negativo, la mancanza di un’infrastruttura di comunicazione più solida. Solo Portogallo e Russia fra i paesi europei hanno una penetrazione di internet più bassa.