Lo smartphone incluso in tariffa? Conviene ma non per tutti i modelli né per tutte le compagnie telefoniche.  L’ultima analisi dell’Osservatorio SuperMoney ha rilevato che scegliendo un piano che includa lo smartphone si possono risparmiare fino a 200 euro sul prezzo del telefono. Ma occhio perchè, la convenienza non è sempre uguale, anzi qualche volta con l’opzione cellulare+tariffa si arriva a spendere addirittura di più. Ecco quando conviene e quando no.

Dallo studio emerge che ai sostenitori di Apple conviene sempre acquistare il Melafonino abbinato alla tariffa: il risparmio varia a seconda della compagnia prescelta e va da 129 a 154 euro. Diversa la situazione per gli appassionati di Samsung: in questo caso la convenienza può arrivare fino a 200 euro, ma tutto dipende dall’operatore scelto. In alcuni casi, infatti, comprando il cellulare separatamente si spende quasi esattamente la stessa cifra. Se sulla convenienza del Nokia Lumia 800 non ci sono dubbi (si risparmiano da 59 a 200 euro circa), non è così per l’HTC One X: in questo caso, acquistando il telefono separatamente, si possono risparmiare oltre 100 euro.

In tutti i casi, il principale vantaggio di acquistare uno smartphone in abbonamento è la possibilità di rateizzare il pagamento nel tempo, senza dover sostenere un elevato costo iniziale. Attenzione però ai vincoli imposti dagli operatori in caso di recesso anticipato dal contratto: tutti gli abbonamenti con incluso uno smartphone vincolano il cliente per un periodo che va dai 24 ai 30 mesi. Chi cambia compagnia prima del termine spesso deve pagare una penale che rischia di annullare del tutto l’iniziale convenienza della tariffa.

Il mercato degli smartphone si conferma comunque particolarmente florido: secondo una recente ricerca di Gartner, le vendite di smartphone e tablet sorpasseranno 1 miliardo di pezzi nel 2013.