Con 246 voti a favore, 33 contrari e 2 astenuti, il Senato ha approvato oggi il maxiemendamento interamente sostitutivo del decreto legge sulle semplificazioni su cui il Governo aveva posto la questione di fiducia. Il voto favorevole del Senato alla fiducia vale anche come voto sul merito del provvedimento. La legge di conversione tornerà ora alla Camera, a seguito delle modifiche introdotte a palazzo Madama, per l’approvazione definitiva che dovrà arrivare entro la prossima settimana.

Le modifiche del Senato

Le modifiche decise dal Senato riguardano le norme sulla liberalizzazione dell’ultimo miglio della rete fissa delle telecomunicazioni, che sarà guidata dall’Agcom, e le misure sul finanziamento del fondo per le calamità naturali, che potrà portare ad un aumento delle accise nazionali sui carburanti.

L’approdo del decreto nell’aula di Montecitorio è previsto per lunedì prossimo, 2 aprile. Il decreto deve essere convertito in legge entro il 9 aprile ma, secondo quanto auspicato dal ministro della funzione pubblica Filippo Patroni Griffi, il via libera definitivo dovrebbe arrivare già martedì 3 aprile.