E’ l’accordo più importante della storia, da un punto di vista dell’importo, quello appena siglato tra il Dipartimento di giustizia americano e la JPMorgan. La banca pagherà 13 miliardi di dollari come risarcimento legato allo scandalo dei mutui subprime, che nel 2009 provocò il crollo del mercato immobiliare e causò, a catena, gravissimi problemi all’intera economia americana ed europea.

La JPMorgan ha ammesso di aver venduto di proposito prodotti inadatti ai clienti, cioè titoli legati a mutui ad elevato rischio d’insolvenza. La banca ha accettato di pagare 4 miliardi come aiuti ai proprietari di case i quali si trovano in difficoltà. La città di New York riceverà, fra aiuti ai proprietari e contanti, 1,3 miliardi (foto by InfoPhoto).

Inoltre nelle ultime settimane la JPMorgan ha pagato un altro miliardo per chiudere le indagini sulle operazioni nella piazza di Londra da parte del trader Bruno Iksil, soprannominato “La balena di Londra”. Le sue operazioni sui derivati in quel periodo sono state talmente massicce da influenzare l’intero mercato, causando alla banca perdite per oltre 6 miliardi di dollari.