Le scadenze fiscali del mese di dicembre 2016 sono le ultime per quanto riguarda questi dodici mesi che stanno volgendo al termine. Le date da segnare sul calendario, per pagare puntualmente e non rischiare di incorrere in sanzioni, sono tre in particolare. Il consiglio, per chi paga recandosi presso gli sportelli, è ovviamente quello di non farlo nel corso degli ultimi giorni disponibili, così da evitare code e caos negli uffici. Andiamo dunque a vedere nel dettaglio quali sono le principali scadenze fiscali del mese di dicembre 2016.

15 dicembre 2016: fatture differite

Questo è il termine ultimo entro il quale è possibile emettere le fatture differite, ossia quelle relative a beni spediti oppure consegnati entro il mese solare precedente (in questo caso novembre 2016).

16 dicembre 2016: scadenza Tasi e Imu, acconto IVA e Irpef

Il giorno cruciale per le scadenze fiscali arriva però ventiquattr’ore dopo, il 16 dicembre 2016, quando i cittadini saranno chiamati a versare la seconda rata per il saldo di Tasi e Imu, ossia le imposte sulla casa. I contribuenti non titolari di partita IVA possono pagare il modello F24 in contanti per somme superiori ad euro 1.000 ma non ad euro 2.999.

Entro lo stesso giorno deve avvenire anche il pagamento dell’IVA relativa al mese di novembre 2016 (per coloro che la versano mensilmente) mentre per quanto riguarda l’Irpef devono essere effettuate le ritenute alla fonte a titolo d’acconto operate dai sostituti d’imposta.

27 dicembre 2016: acconto IVA

L’ultimo adempimento fiscale dell’anno riguarda infine il versamento dell’acconto IVA, che i titolari di partita IVA devono versare entro il 27 dicembre 2016.