15,7 miliardi dei 20 previsti per il 2013 già stanziati e l’auspicio di chiudere l’intera posizione debitoria della Pubblica amministrazione con le imprese private (40 miliardi di euro) già quest’anno.
Le cifre rese note dal ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni, durante la conferenza stampa sullo stato dei pagamenti della Pa alle imprese fanno ben sperare circa una chiusura anticipata della procedura, anche se per ora le somme sono state erogate alle amministrazioni competenti e solo una parte di esse è stata già trasferita ai creditori.
Per quanto riguarda gli enti locali, dei 6,8 miliardi previsti dal decreto per il 2013, al 22 luglio, ha riferito il ministro Saccomanni, sono stati attivati 6,1 miliardi, di cui 5 miliardi di spazi finanziari sul patto di stabilità interno e 1,6 miliardi di anticipazioni di liquidità.
Per quanto riguarda le Regioni e le province autonome, inoltre, dei 10,2 miliardi previsti per il 2013 lunedì scorso risultavano attivati 6,381 miliardi: di questi 4,1 miliardi sono quelli già attivati sugli 8 previsti, in cui rientrano anche 2,35 miliardi di anticipazioni del ministero dell’Economia e Finanze di liquidità di debiti sanitari.
Il ministro ha ricordato, ancora, che sono state ripartite risorse per 5,6 miliardi alle Regioni che hanno fatto richiesta delle anticipazioni di liquidità a copertura del pagamento dei debiti alla parte non sanitaria e che le erogazioni cesseranno dopo le verifiche di un tavolo tecnico a chiusura dei lavori entro il mese di luglio per la maggior parte delle Regioni.
Le verifiche, ad oggi, sono state concluse per la regione Lazio, che ha ricevuto un’anticipazione di liquidità di 924 milioni per il 2013 e a 1,3 miliardi per il 2014, per la regione Piemonte, che ha ricevuto un’anticipazione di liquidità pari a 448 milioni per il 2013 e a 660 milioni per il 2014, per la regione Liguria, che ha beneficiato di un’anticipazione di liquidità pari a 17 milioni per il 2013 e a 25 milioni per il 2014, per la regione Molise, destinataria di un’anticipazione di liquidità pari a 11 milioni per il 2013 e di 16 milioni per il 2014, e per la regione Toscana, beneficiaria di un’anticipazione di liquidità pari a 38 milioni per il 2013 e a 57 milioni per il 2014. Per Molise e Toscana, il contratto di prestito sarà sottoscritto giovedì prossimo, 25 luglio.

photo credit: Eu Council Eurozone via photopin