Le notizie provenienti dalla concorrenza Oltreoceano si fanno sentire su Saipem. Baker Hughes, colosso petrolifero statunitense, ha annunciato che nel quarto trimestre i margini di profitto e i ricavi saranno inferiori rispetto alle previsioni a causa della maggiore debolezza riscontrata nelle attività onshore in Nordamerica e della flessione dei prezzi. Il gruppo così un utile operativo per il quarto trimestre tra l’8,5% e il 9,5%, rispetto all’11,7% riportato nei tre mesi precedenti. Per quanto riguarda le attività internazionali, la società a stelle e strisce si attende un utile operativo al 12%, sostanzialmente in linea con quello del terzo trimestre.

Saipem risente ancora delle recenti vicende giudiziarie che l’hanno colpito e che hanno portato alle dimissioni dell’amministratore delegato, Franco Tali. Alcuni analisti hanno visto negli odierni ribassi un tentativo dell’azione di ricercare il suo equilibrio, dopo i forti cali dei giorni scorsi. Il gruppo è oggetto di un inchiesta da parte della Procura di Miano su presunti reati di corruzione commessi entro il 2009 e relativi ad alcuni contratti stipulati in Algeria.