Ultimo giorno oggi per tutti coloro che sono intenti nella procedura di rottamazione delle cartelle esattoriali, sia per le procedure in un’unica soluzione che per il versamento della prima rata concordata con il fisco.

Da domani infatti non vi saranno più possibilità di ottenere i benefici previsti, non essendovi al momento notizia di una proroga, per quanto siano state previste alcune deroghe per semplificare la vita dei contribuenti.

Per esempio per presentare la cosiddetta voluntary disclosure bis, che si occupa della regolarizzazione dei capitali all’estero, è stato esteso il limite fino 30 settembre, dalla precedenza scadenza fissata al 31 luglio.

Stesso discorso, ma data differente (il 31 ottobre 2017) per quanto riguarda la presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta (il modello 770) e delle dichiarazioni in materia di imposte sui redditi e di Irap.

Inoltre dal 21 luglio al 20 agosto 2017 è prevista la possibilità per i lavoratori autonomi di versare le imposte con una lieve maggiorazione, a titolo di interesse, equivalente allo 0,40%: questa nuova misura verrà presto formalizzata su proposta del Ministro dell’Economia.

L’opera di semplificazione è stata annunciata dal viceministro all’Economia Luigi Casero, il quale ha spiegato come sia stato creato un tavolo tecnico all’interno del Ministero dove siederanno anche i commercialisti. “Il tavolo che partirà con l’individuazione delle azioni che si rendono necessarie per l’attuazione dello Statuto del Contribuente, dovrà affrontare nello specifico i problemi che frenano in concreto una marcata semplificazione del sistema fiscale italiano e una più lineare attività lavorativa del commercialista“.