In merito alla rottamazione delle cartelle Equitalia (per sapere di cosa si tratta cliccate qui) è stata appena comunicata la proroga della scadenza per aderire alla definizione agevolata. Tale data di scadenza per la rottamazione delle cartelle Equitalia non saldate viene dunque posticipata dal 31 marzo al 21 aprile 2017.

L’annuncio della proroga della scadenza è stato fatto da Luigi Casero, viceministro dell’Economia e della Finanza, che ha seguito le direttive approvate attraverso un emendamento al decreto Sisma. Tale proroga della scadenza per aderire alla rottamazione delle cartelle Equitalia dovrebbe comportare anche l’allungamento complessivo dei tempi previsti per l’intera procedura: Equitalia, ad esempio, avrà tempo fino al giorno 15 giugno per inviare il resoconto ai contribuenti mentre la precedente data di scadenza era stata prevista per il 31 maggio.

Grazie all’approvazione dell’emendamento Ginato, i contribuenti che vorranno beneficiare della rottamazione delle carte esattoriali Equitalia non ancora saldate avranno dunque a disposizione ben ventuno giorni in più per aderire all’iniziativa promossa dal governo. Le modifiche riguardano dunque unicamente le date di scadenza per aderire e per ricevere la risposta da parte di Equitalia mentre il resto della procedura rimane del tutto invariata. Restano pertanto invariati sia il numero delle rate di cui si potrà beneficiare (fino al numero di quattro) sia la scadenza dell’unico versamento da effettuare, per coloro che scelgono di non dilazionare il pagamento della somma dovuta.