Il mercato sportivo, in queste ore, si concentra su un’ipotesi di vendita di parte del capitale dell’AS Roma ad un gruppo di imprenditori cinesi. Ecco i dettagli di una trattativa che preoccupa i tifosi.Il club calcistico capitolino appartiene in parte all’Italia con le quote Unicredit e in parte all’America dopo l’ingresso nella società di Thomas Dibenedetto. Tra poco però questa proprietà intercontinentale potrebbe allargarsi.

All’orizzonte giallorosso infatti si sono affacciati alcuni fondi sovrani pechinesi. In che modo? Tramite Unicredit. I cinesi cioè, hanno dichiarato all’istituto di credito di essere interessati all’acquisto di una parte del capitale dell’AS Roma.

Nel dettaglio è al vaglio la possibilità di far entrare i fondi pechinesi consegnando loro una quota di minoranza che non superi il 20 per cento. Prima di accordare l’ingresso dei cinesi nella squadra, è necessario archiviare gli affari economici già avviati.

La Consob è pronta per i controlli sull’Offerta pubblica d’acquisto del valore di 30 milioni di euro, usata per racimolare il 33 per cento dell’AS Roma ancora presente sul mercato.

I piccoli azionisti possono fare in questi giorni il calcolo delle perdite collezionate nell’investimento. Il 3 novembre, la Newco Neep Roma Holding possiederà il 100 per cento del capitale della squadra e potrà avviare la seconda fase.