Risparmiare energia elettrica in casa non è solo una questione di risparmio economico per le nostre tasche ma è anche un nostro preciso dovere morale: per l’ambiente, per il rispetto di fonti di energia preziose, per il principio che non è mai un bene sperperare e utilizzare male delle risorse.

Bastano dei piccoli accorgimenti per risparmiare energia e conseguentemente per ricevere bollette meno salate a casa: a volte occorre soltanto imparare delle abitudini che con il tempo diventeranno nostro patrimonio,  che con il passare del tempo si trasformeranno in azioni che compiamo senza neppure rendercene conto; altre volte è questione di educazione e civiltà, ma anche queste possono essere apprese.

Scopriamo dunque quali accorgimenti possiamo adottare in casa per tutelare noi, il nostro portafogli e l’ambiente:

- le prime regole riguardano l’uso che facciamo degli apparecchi elettronici. Dovremmo staccare le spine e scollegarli definitivamente dalla presa ogni volta che pensiamo di non doverli usare per diverso tempo; dovremmo cercare di spegnerli se non li utilizziamo e di conseguenza tenerli accesi solo quando ne abbiamo necessità e li stiamo effettivamente usando. Il consiglio principale resta quello di collegare più prese della corrente ad una ciabatta munita di pulsante, in modo da poter scollegare più velocemente un numero maggiore di apparecchi.

- occhio anche alle lampadine: preferiamo quelle a basso consumo energetico. Rispetto alle lampadine normale hanno un prezzo leggermente superiore ma assicurano una durata maggiore, consumano meno e illuminano di più. E ricordiamoci di spegnere sempre la luce se non restiamo più in una determinata stanza della nostra casa.

- Da privilegiare anche l’acquisto di elettrodomestici di classe energetica superiore: in questo caso vale lo stesso discorso delle lampadine, il prezzo è più alto ma lo si potrà recuperare sulla bolletta meno cara. In definitiva si tratta in entrambi i casi di ottimi investimenti da apprezzare con il passare del tempo. Da tenere sotto controllo anche l’uso che se ne fa degli elettrodomestici: la lavatrice e la lavastoviglie, ad esempio, vanno utilizzate solo a pieno carico.

- Il risparmio energetico passa anche attraverso l’uso dell’acqua del rubinetto, in particolare di quella calda, che prevede consumo di energia per essere riscaldata. Proprio per questo motivo sarebbe bene non tenere il rubinetto aperto e lasciar scorrere l’acqua quando non la utilizziamo, privilegiare la doccia piuttosto che il bagno, tenere i riscaldamenti alla giusta temperatura, senza esagerare.

photo credit: Angela Schlafmütze via photopin cc