Prestare attenzione a quello che si spende per fare la spesa consente di conseguire a fine mese un buon risparmio sul bilancio familiare. Per farlo basta mettere in pratica alcuni semplici accorgimenti che consentono di risparmiare al supermercato senza sacrificare troppo la qualità.

Prima di tutto bisogna ricordare che, come nella maggior parte delle cose, la fretta è cattiva consigliera, ma lo è anche la fame: meglio recarsi al supermercato in un momento di calma, quando si ha tempo da dedicare a questa attività e possibilmente andarci a stomaco pieno. L’ideale sarebbe andare al supermercato con la lista della spesa, avendo studiato le offerte presenti relative alle cose di cui abbiamo bisogno, magari confrontandole tra più supermercati.

Un altro consiglio è quello di guardare le offerte presenti che riguardino prodotti non immediatamente deperibili per farne scorta, sul momento potrà sembrare di spendere di più sul totale della spesa, ma questa pratica consente risparmi notevoli sulle spese future. Attenzione però, non sempre le promozioni e le offerte sono realmente convenienti, conviene sempre buttare un occhio alle confezioni formato famiglia o multipack che a volte offrono prezzi migliori dei prodotti in promozione.

Un altro modo per risparmiare è quello di possedere le cosiddette card o tessere nominali dei vari supermercati, solitamente gratuite, che danno accesso a speciali offerte riservate ai titolari, premi e buoni spesa, tutti da sfruttare.

Con riferimento alla qualità dei prodotti, va ricordato che non sempre questa viene garantita dai prodotti di marca, a volte conviene sperimentare nuove strade per scoprire prodotti eccezionali. Inoltre va ricordato che spesso quelli che sembrano prodotti di una sottomarca, solitamente della marca del supermercato, quasi sempre sono stati prodotti dalle marche più note. È quindi importante leggere l’etichetta.

Conviene poi evitare i prodotti imballati e confezionati, preferendo quelli freschi e sfusi. Gli imballi fanno infatti lievitare i prezzi. Questo principio andrebbe applicato a tutti i prodotti, dalla verdura, ai cibi pronti, ai detersivi. Va poi evitato di lasciarsi attrarre dalle confezioni che riportano l’invitante prezzo di 1 o 2 euro, va sempre dato un occhio alla reale quantità di prodotto e soprattutto al prezzo al Kg, spesso esorbitante (quasi sempre questo avviene sui salumi).

Guardare sempre e per ogni cosa il prezzo al Kg o al litro è l’accorgimento forse più importante per risparmiare sulla spesa, poiché le confezioni sono tutte differenti e questo è l’unico parametro obiettivo che si ha per confrontare i prezzi dei prodotti. Ovviamente a tale confronto va abbinata una valutazione della qualità del prodotto stesso.

Infine sempre ricordarsi di portare con sé le buste della spesa, le diffusissime shopper riutilizzabili di tela o di plastica, può sembrare banale ma ormai tutti i supermercati applicano il costo di 10-15 centesimi a busta riciclabile utilizzata, un costo apparentemente irrisorio ma che a fine mese un po’ di differenza la può fare.