Grazie alla rinegoziazione del mutuo il cliente di un istituto di credito può chiedere a quest’ultimo di rivedere alcuni termini contrattuali in precedenza stabiliti. La rinegoziazione del mutuo può essere richiesta perché il cliente non riesce più a far fronte a determinate condizioni oppure perché vorrebbe ottenere termini contrattuali a lui più favorevoli, anche per le mutate condizioni di mercato.

Rinegoziazione mutuo: cosa più può richiedere

Attraverso la rinegoziazione del proprio mutuo è possibile ottenere migliori condizioni contrattuali in merito a diversi aspetti. Potrebbe infatti essere possibile procedere con la modifica di:

  • durata del mutuo
  • tassi di interesse
  • spese di istruttoria
  • modalità di pagamento
  • intestatari del mutuo
  • spese di incasso per le rate previste

Rinegoziazione mutuo: come scrivere la lettera

La lettera per richiedere la rinegoziazione del mutuo alla propria banca va inviata alla sede centrale della stessa, con raccomandata con ricevuta di ritorno. Come indicato sul sito dell’Aduc (l’Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori), il modello da seguire per scrivere la lettera è il seguente:

Sig.______ via_________ Città Spett.le Banca ________________
e p.c.
Spett.le ADUC – Associazione per i diritti degli Utenti e Consumatori Via Cavour, 68 – 50129 FIRENZE (luogo e data)

Oggetto: Richiesta di rinegoziazione del mutuo ipotecario n____, stipulato il ____ Con la presente chiedo la rinegoziazione delle condizioni di contratto circa la determinazione dei tassi d’interesse.
Il mutuo in oggetto è stato contratto a tasso fisso in un periodo di tassi di interesse superiori a quelli attuali. Infatti il tasso era, ed è, del 7,75% annuo.
Ora, se il mutuo fosse stipulato oggi, tale tasso sarebbe oltre la soglia usuraria, così come fissata dal Decreto del 23/06/2003 del Dipartimento del Tesoro del Ministero dell’Economia e delle Finanze (emanato in forza della legge n. 108 del 7 marzo 1996), pari al 6,795% annuo.

Stando così le cose, qualunque altro Istituto Bancario potrebbe offrirmi condizioni migliori e tanto vantaggiose da più che compensare gli oneri di accensione di un nuovo mutuo altrove per estinguere quello in oggetto.
Rimango in attesa di un Vostro invito a rinegoziare le condizioni contrattuali vigenti che riterrò negato qualora non arrivi entro 20 giorni dalla data di ricezione della presente lettera.
Distinti saluti.

La lettera va poi firmata a mano e data.